PADIGLIONE TIBET 2015  /  9 maggio  -  28 agosto 2015  VENEZIA

 
 
 
 


TIBET PAVILION
project by Ruggero Maggi
 
Santa Marta Congressi – SpazioPorto - Venice
9 maggio – 28 agosto 2015
Opening Day 9th May – 6 p.m.


Under the Patronage of the Municipality of Venice

 

Dedicato alle vittime del recente terremoto che ha devastato il Nepal, il Tibet, il Bangladesh e l'India.
Spiritualità ed Arte come cibo per la mente e per l’anima.
Si rinnova l'appuntamento veneziano con Padiglione Tibet. La rassegna, con il patrocinio del Comune di Venezia, parallela alla 56. Biennale di Venezia e quest'anno in concomitanza anche con EXPO Milano 2015, verrà inaugurata il 9 maggio 2015 e proseguirà fino al 28 agosto 2015 presso la suggestiva Chiesa di Santa Marta.
Tibet: una nazione che evoca da sempre un sentimento religioso, mistico, di pace, una vitale “centralina” spirituale per tutti gli esseri umani.
Padiglione Tibet, un’idea che nella propria semplicità racchiude una forte carica emozionale, è un sogno che ha lasciato il segno ponendosi l’obiettivo di far incontrare la sensibilità della cultura contemporanea occidentale con quella tibetana.
Ambasciata Tibetana con rilascio del relativo Passaporto
Anno del Dalai Lama. Sua Santità Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama del Tibet, il 6 luglio 2015 (20° giorno, del 5° mese dell’anno tibetano 2142) compirà 80 anni. Oggi il Dalai Lama non è soltanto la massima autorità del popolo tibetano, ma anche un punto di riferimento fondamentale per decine di milioni di persone in tutto il mondo. Il Comitato Padiglione Tibet, la Fondazione  per  la Preservazione  della  Tradizione Mahayana (FPMT) e ilProgetto L’Eredità del Tibet, come atto di affettuoso e sentito omaggio all’opera di questo altissimo testimone del nostro tempo, tra l’altro insignito nel 1989 del Premio Nobel per la Pace, hanno deciso di dedicare al Dalai Lama il prossimo anno tibetano (2142,  “Anno della Pecora di Legno” che è iniziato il 19 febbraio 2015 e terminerà l’8 febbraio 2016), organizzando all’interno dell’Anno del Dalai Lama eventi artistici, insegnamenti spirituali e conferenze.
Padiglione Tibet vuole evidenziare il connubio tra Arte Sacra Tibetana ed Arte Contemporanea Occidentale e recentemente è stato invitato come progetto speciale allaBiennale del Fin del Mundo, a cura di Massimo Scaringella, in Argentina
Le numerose esperienze degli anni scorsi hanno visto coinvolti importanti artisti contemporanei, che si sono espressi attraverso le Khata, le tipiche sciarpe bianche che i monaci offrono in segno di solidarietà e amicizia o si sono misurati con l'arte della composizione dei Mandala dei monaci tibetani e le Ruote della preghiera che accompagnano nella preghiera i buddisti tibetani.
Questa edizione (la terza a Venezia) è all'insegna dell'ombrello, proprio del nostro fedele protettore dalla pioggia che, suo malgrado, è stato protagonista della rivolta degli studenti di Hong Kong verso il governo centrale di Pechino. L'ombrello emblema di protezione e di protesta – due lati della stessa medaglia – è divenuto contenitore e supporto degli interventi artistici e di video arte che hanno reso possibile una grande installazione corale con opere dedicate al Tibet, alla sua spiritualità, ai suoi simboli ed alla sua marcia verso la libertà.
La libertà è come un'opera d'arte… va creata, plasmata, modellata.
Gli artisti invitati hanno creato i loro interventi su una stessa base costituita appunto dall'ombrello, dalla sua stoffa, dalla sua stessa struttura, realizzando ombrellipoemi, ombrelliopere che, come un grande ed unico ombrello cerimoniale, uno degli otto simboli di buon auspicio presenti nello stupa (simbolo della natura della mente), secondo il grande veicolo (Mahayana) della compassione e della saggezza illimitati, rappresenterà il superamento di ogni sofferenza
Purtroppo il governo cinese considera il Tibet una nazione di morti… morta deve essere la sua lingua, morta deve essere la sua cultura, morta deve essere la sua arte. I Tibetani devono essere annichiliti dalla violenza.
Padiglione Tibet è sempre stato e sempre sarà un progetto puramente artistico, nato per dare dignità a questo popolo martoriato; ma non può esimersi dal dimostrare, ancora una volta in modo fermo e deciso, il proprio sdegno davanti al disinteresse di tutti verso questo grave problema.
Problema affrontato anche dalla mostra “Tibet… c'è poco da ridere” un'idea che hoproposto anni fa a Dino Aloi, grande frequentatore di… artistici Buduar (almanacco dell'arte leggera, mensile satirico online da lui diretto) e dalla dirompente ironia che, coinvolgendo con cura ed intelligenza artisti italiani e francesi, nella sua presentazione si chiede: Ma come è possibile scherzare sul Tibet, la nazione che non c’è ma che dovrebbe esserci in quanto esiste? E poi con tutto quello che succede? Già, perchè è proprio tutto quello che succede di cui spesso non siamo informati, o perlomeno malamente informati, che vorremmo portare alla luce con questa esposizione, partendo, per l’appunto, dal disegno umoristico, dalla satira e dalla caricatura, che sono elementi fondanti della democrazia […]
Padiglione Tibet come progetto artistico accomuna molteplici “anime”: artistica, spirituale, culturale e durante il periodo espositivo altre due iniziative ne accompagnano il percorso: la mostra fotografica di Giampietro Mattolin “Amdo – il paese del XIV Dalai Lama”presentata da Piero Verni che così la descrive: “Situata nella parte nord orientale del Paese delle Nevi, la regione dell'Amdo è uno dei luoghi più affascinanti, superbi e significativi dell'intero Tibet. Alcune delle principali figure religiose della civiltà tibetana sono nate lungo questi sconfinati orizzonti: Lama Tzongkhapa il grande riformatore del 14° secolo padre della scuola Gelug, il 10° Panchen Lama e l'attuale XIV Dalai Lama, originario del villaggio di Takster.”
l'esposizione costituita da un approfondimento grafico del grande disegnatore Giuseppe Coco sulla figura di Milarepa (1040 – 1123) il più famoso ed amato degli yogin tibetani ed uno dei più grandi maestri spirituali di tutti i tempi. Scrive Chiara Gatti che presenta la mostra Coco & Milarepa - I colori dello spirito: “In questa occasione […] si propone un ciclo di opere concentrate su un tema più intimo, caro al lato spirituale della sua personalità riservata. Si tratta delle tavole dedicate alla figura di Milarepa, icona della scuola Kagyu del Buddhismo tibetano. Una figura intensa e magica che Coco indagò, fra la fine degli anni Ottanta e il Duemila, sperimentando colori lisergici e forme potenti, specchio di una riflessione esistenziale segnata da grande energia e, insieme, grande sofferenza.[…] Un viaggio catartico ed escatologico che scuote la coscienza.”
Quest'anno il programma di Padiglione Tibet si arricchisce anche, il giorno dell'inaugurazione sabato 9 maggio, della presenza di Ghese Lobsang Tenkyong(nato nel Tibet orientale. Ha studiato nel monastero di Sera, ottenendo il grado di Geshe Lharampa, il più alto titolo di studi conseguibile all'interno della tradizione gelug-pa) e di Stefano Antichi, direttore del Foundation for the Preservation of the Mahayana Tradition (FPMT) di Genova.
Artisti PADIGLIONE TIBET
Piergiorgio Baroldi, BAU, Carla Bertola - Alberto Vitacchio, Giorgio Biffi, RosaspinaB. Canosburi, Silvia Capiluppi, Pino Chimenti, Marcello Diotallevi, GiovannaDonnarumma - Gennaro Ippolito, Giglio Frigerio - Fabrizio Martinelli, Ivana Geviti,Isa Gorini, Gruppo Il Gabbiano, Oronzo Liuzzi - Rossana Bucci, Silvia Mariani - Christine Davis, Gianni Marussi - Alessandra Finzi, Fernando Montà, LorenzaMorandotti - Francesco Maglia snc, Clara Paci, Lucia Paese, Claudio Pantana, MarisaPezzoli, Benedetto Predazzi, Tiziana Priori - Simonetta Chierici, Roberto Scala - Bruno Cassaglia, Anna Seccia, Lucia Spagnuolo, Roberto Testori, Micaela Tornaghi.
Video arte
Francesca Lolli, Marco Rizzo.
Testi di
Giosuè Allegrini, Dino Aloi, Stefano Antichi, Elisabetta Bacci, Lara Caccia, ClaudioCardelli, Mauro Carrera, Giulia Fresca, Chiara Gatti, Alexander Larrarte, RuggeroMaggi, Cristina Romieri, Giuliana Schiavone, Claudio Tecchio, Trini Castelli, PieroVerni, Roberto Vidali.
Artisti della mostra Tibet… c'è poco da ridere
Dino Aloi, Gianni Audisio, Pierre Ballouhey, Gianni Chiostri, Lido Chiostri, MilkoDalla Battista, Marco De Angelis, Guido Giordano, Ruggero Maggi, Claudio Mellana, Danilo Paparelli, Alessandro Prevosto, Robert Rousso, Fabio Sironi, CarloSquillante.
Prossimi appuntamenti, di cui verrà fornito un programma più dettagliato in seguito, sono previsti nelle seguenti date:
7 giugno 2015  insegnamenti buddisti di Ghese Tenzin Tenphel con tema: L'etica laica. come perseguire valori etici, morali, di gentilezza e compassione al di là di una formazione religiosa.
17/18/19/20 giugno 2015 realizzazione di un mandala da parte di monaci tibetani
20 giugno 2015 Art Night Venezia performances di artisti contemporanei e in serata il rito di dispersione del mandala
6 luglio 2015 grandi festeggiamenti per l'80° Compleanno del Dalai Lama, la presentazione in anteprima del libro “Tulku le incarnazioni mistiche del Tibet” di Piero Verni e Giampietro Mattolin ed alcune intense azioni artistiche
28 agosto 2015 finissage
 entrata libera - orari: martedì – domenica 11.00/19.00 - chiusura: lunedì

 per informazioni:
320.9621497
Santa Marta Congressi – SpazioPorto
DALLA STAZIONE FERROVIARIA DI VENEZIA
Linee ACTV 41, 51 fermata “Santa Marta” che dista 50 metri da SpazioPorto
DA PIAZZALE ROMA Linee ACTV 41, 51, 61, fermata “Santa Marta”
DA SAN MARCO Linee ACTV 42, 52, 62, fermata “Santa Marta”
Sponsor
CFLI, SpazioPorto, Tre D s.r.l., NCA Engineering Srl, Tecnodomes, FabLab Fondazione Mike Bongiorno, Buduar, Atelier51, The Heritage of Tibet, FPMT, Dossier Tibet, Iscos, Associazione Italia-Tibet, Associazione Vimala, La Casa del Tibet
Note:
La figura di Giuseppe Coco (Biancavilla, Catania 1936 – 2012) è entrata nell'immaginario comune per le celebri illustrazioni che hanno animato, a partire dagli anni Sessanta, con ironia e straordinario humor nero, le pagine di testate famose. Come Comix, il Corriere della Sera, Epoca, Horror, La Gazzetta dello Sport, L’Espresso, la Repubblica, La Domenica del Corriere, La Settimana enigmistica, Panorama, Relax e Zoom; oltre a celebri e popolarissimi periodici stranieri, da Playmen a Punch, da Hara Kiri al The Saturday Evening Post. (Chiara Gatti)
La FPMT (Fondazione per la Preservazione della Tradizione Mahayana) è un’organizzazione internazionale non-profit, fondata nel 1975 da Lama Thubten Yeshe. La Fondazione si dedica alla trasmissione in tutto il mondo della tradizione buddhista mahayana e dei suoi valori attraverso l’insegnamento, la meditazione e il servizio alla comunità. La FPMT Italia appartiene a questa rete internazionale costituita da centri di insegnamento buddhista, centri di meditazione, centri di ritiro, monasteri per monaci e monache, case editrici, hospice, centri di cura e altri centri di servizi per la comunità.
Quella tibetana era una civiltà di grande valore, poco sviluppata dal punto di vista del progresso materiale ma incredibilmente progredita sotto il profilo della ricerca filosofica e interiore. Il ProgettoL’Eredità del Tibet nasce dalla consapevolezza dell'urgenza di un aiuto per preservare la cultura tibetana e cerca, con le sue modeste energie, di contribuire alla conoscenza degli elementi essenziali di quello che è stato efficacemente chiamato, il “Messaggio dei Tibetani”.
 


VISITA AL PADIGLIONE  TIBET 2015 
(foto di Lorenza Morandotti)


(foto archivio)
(foto archivio)
(foto archivio)
(foto di Melissa Simionato) 
(foto archivio)
(foto archivio)
(foto archivio)
(foto archivio)
(foto di Rosamaria Zumbo)
(foto archivio)
(foto archivio)
(foto archivio)
(foto archivio)
(foto di Rosamaria Zumbo)
(foto archivio)
(foto archivio)
(foto archivio)
(foto archivio)

(foto archivio)
(foto archivio)
(foto archivio)
(foto di Lorenza Morandotti)
 
PADIGLIONE TIBET 2015  /  9 maggio - 28 agosto 2015  VENEZIA
 TIBET PAVILION
project by Ruggero Maggi
 
Santa Marta Congressi – SpazioPorto - Venice
9 maggio – 28  agosto 2015
Opening Day 9th May – 6 p.m.
Under the Patronage of the Municipality of Venice
Dedicated to victims of the recent major earthquacke which has devastated Nepal, Tibet, Bangladesh and India.
Spirituality and Art as Food for Mind and Soul.
A new Venetian appointment with the Tibet Pavilion. The event under the patronage of the Municipality of Venice, parallel to the 56th Venice Biennial and this year in conjunctionwith Milan EXPO 2015, will be inaugurated on May 9, 2015 and will continue until August 28, 2015 at the suggestive Santa Marta’s Church.
Tibet: a nation that always evokes a religious, mystical, peaceful feeling, a vital, spiritual“unit” for all the human beings.
Tibet Pavilion, an idea that in its simplicity encloses a strong emotional charge, it is a dream that has left its mark, setting the goal of bringing together the sensitivity of the contemporary Western and the Tibetan cultures.
Tibetan Embassy with release of its Passport.
Year of the Dalai Lama. His Holiness Tenzin GyatsoXIV Dalai Lama of Tibet, July 6, 2015(the 20th day of the 5th month of the Tibetan year 2142) celebrates 80 years. Nowadays the Dalai Lama is not only the highest authority of the Tibetan people, but also a fundamental reference point for tens of millions of people around the world. The Tibet Pavilion Committee, the Foundation for the Preservation of the Mahayana Tradition (FPMT) andThe Heritage of Tibet , as an act of affectionate and heartfelt tribute to the work of this highwitness of our time, among others awarded in 1989 with the Nobel Peace Prize, have decided to dedicate the next Tibetan year to the Dalai Lama (2142, "Year of the Wood Sheep" which began on February 19, 2015 and will end on February 8, 2016), organizing within the Year of the Dalai Lama artistic events, spiritual teachings and lectures.
Tibet Pavilion highlights the combination of Tibetan Sacred Art and Contemporary Western Art and recently has been invited as a special project at the Biennale del Fin del Mundo,curated by Massimo Scaringella, in Argentina.
The many experiences of the past years have seen involved important contemporary artistswho expressed themselves through the Khata, the typical white scarves that monks offer in a sign of solidarity and friendship, or through the art of the Tibetan monks’ Mandalacomposition or the Wheels of prayer that accompanying in the prayer the Tibetan Buddhists.
The third edition is dedicated to the umbrella, our loyal protector from the rain that in spite of itself was the protagonist of the Hong Kong’s students revolt toward the central government of Beijing. The umbrella emblem of protection and protest – two sides of the same coin – became container and support of artistic interventions and video art that made possible a large choral installation with works dedicated to Tibet, its spirituality, its symbols and its march towards freedom.
Freedom is like a work of art... it has to be created, shaped, modelled.
The invited artists have created their actions on the same base consists precisely by theumbrella, by its cloth, by its own structure, presenting umbrellapoems, umbrellaworks thatlike a great and unique ceremonial umbrella, one of the eight auspicious symbolspresent in the stupa (symbol of the nature of the mind) according to the great vehicle(Mahayana) of unlimited compassion and wisdom, will represent the overcoming of all suffering.
Unfortunately, the Chinese government considers Tibet a nation of dead... its language must be dead, its culture must be dead, its art must be dead. Tibetans must be annihilated by violence.
Tibet Pavilion has always been and always will be a purely artistic project, created to give dignity to this martyred people; but once again, it cannot refrain from showing its strong and determined outrage in front of the lack of interest of everyone toward this serious problem.
Problem that it is also presented at the exhibition “Tibet ... there's nothing to laugh”that I proposed years ago to Dino Aloi, great frequenter of ... artistic Buduar (almanac of light art, satirical monthly online directed by him) that, involving by care and intelligence, Italian and French artists, in presentation asks himself: How can you joke about Tibet, the nation that isn’t but should be. Have you thought about all the things happening there? Well infact, this exhibition would like to put a spotlight on things we are not usually informed about, starting with humoristic drawings, satires and caricatures, founding elements of democracy [...]
Tibet Pavilion as artistic project unites many “souls”: artistic, spiritual, cultural and, during the exhibition itinerary, two other initiatives will accompany the path: the photographic exhibition of Giampietro Mattolin “Amdo - the country of the XIV Dalai Lama”presented by Piero Verni: “Located in the north-eastern part of the Land of Snows, the region of Amdo is one of the most fascinating, magnificent and meaningful of the whole Tibet. Some of the major religious figures of the Tibetan civilization arose along these endless horizons: the great reformer of the 14th century Lama Tzongkhapa father of the Gelug School, the 10th Panchen Lama and the current XIV Dalai Lama native of the village of Takster.”;
and the exhibition constituted of a graphic deepening of the great illustrator Giuseppe Coco on the figure of Milarepa (1040 - 1123) the most famous and beloved of the Tibetanyogin and one of the greatest spiritual masters of all time. Chiara Gatti that presents the exhibition Coco & Milarepa - The colors of the spirit, writes: “On this occasion [...] it is proposed a cycle of works focused on a more intimate theme, dear to the spiritual side of his reserved personality. These are the plates dedicated to the figure of Milarepa, icon of the Kagyu School of the Tibetan Buddhism. An intense and magical figure that Coco investigated, between the end of the Eighties and the Two thousand, experiencing lysergic colours and powerful shapes, mirror of an existential reflection marked by great energy and suffering together. [...] A cathartic and eschatological trip that shocks the conscience.”
Saturday, May 9, opening day, will be present also Ghese Lobsang Tenkyong (born in the Eastern Tibet. He studied in the Sera monastery, obtaining the degree of Geshe Lharampa, the highest title of study achievable within the gelug-pa tradition) and Stefano Antichi director of the Foundation for the Preservation of the Mahayana Tradition (FPMT) of Genoa.
Artists TIBET PAVILION
Piergiorgio Baroldi, BAU, Carla Bertola - Alberto Vitacchio, Giorgio Biffi, RosaspinaB. Canosburi, Silvia Capiluppi, Pino Chimenti, Marcello Diotallevi, GiovannaDonnarumma - Gennaro Ippolito, Giglio Frigerio - Fabrizio Martinelli, Ivana Geviti,Isa Gorini, Gruppo Il Gabbiano, Oronzo Liuzzi - Rossana Bucci, Silvia Mariani - Christine Davis, Gianni Marussi - Alessandra Finzi, Fernando Montà, LorenzaMorandotti - Francesco Maglia snc, Clara Paci, Lucia Paese, Claudio Pantana, MarisaPezzoli, Benedetto Predazzi, Tiziana Priori - Simonetta Chierici, Roberto Scala - Bruno Cassaglia, Anna Seccia, Lucia Spagnuolo, Roberto Testori, Micaela Tornaghi.
Video art
Francesca Lolli, Marco Rizzo.
Texts by
Giosuè Allegrini, Dino Aloi, Stefano Antichi, Elisabetta Bacci, Lara Caccia, ClaudioCardelli, Mauro Carrera, Giulia Fresca, Chiara Gatti, Alexander Larrarte, RuggeroMaggi, Cristina Romieri, Giuliana Schiavone, Claudio Tecchio, Trini Castelli, PieroVerni, Roberto Vidali.
Artists of the exhibition “Tibet ... there's nothing to laugh”
Dino Aloi, Gianni Audisio, Pierre Ballouhey, Gianni Chiostri, Lido Chiostri, MilkoDalla Battista, Marco De Angelis, Guido Giordano, Ruggero Maggi, Claudio Mellana, Danilo Paparelli, Alessandro Prevosto, Robert Rousso, Fabio Sironi, CarloSquillante.
Upcoming events, of which will be provided a more detailed program later:
June 7, 2015 Buddhist teachings by Ghese Tenzin Tenphel with theme: The laical ethics. How to pursue ethical, moral, kindness and compassion values beyond a religious formation.
June 17/18/19/20, 2015 creation of a mandala by Tibetan Monks.
June 20, 2015 Art Night Venice performances by contemporary artists and the dispersion rite of the mandala in the evening.
July 6, 2015 great celebrations for the 80th birthday of the Dalai Lama, the preview presentation of the book “Tulku the mystical incarnations of Tibet” by Piero Verni and Giampietro Mattolin and some intense artistic actions.
August 28, 2015 finissage
Free Entry – Tuesday - Sunday 11.00 a.m. / 7.00 p.m. – Closed: Monday
for information:
320.9621497
Santa Marta Congressi – SpazioPorto
FROM VENICE RAILWAY STATION
Lines ACTV 41, 51 stop “Santa Marta” 50 meters far from SpazioPorto
FROM PIAZZALE ROMA Lines ACTV 41, 51, 61, stop “Santa Marta”
FROM SAN MARCO Lines ACTV 42, 52, 62, stop “Santa Marta”
Sponsor
CFLI, SpazioPorto, Tre D s.r.l., NCA Engineering Srl, Tecnodomes, FabLab Fondazione Mike Bongiorno, Buduar, Atelier51, The Heritage of Tibet, FPMT, Dossier Tibet, Iscos, Associazione Italia-Tibet, Associazione Vimala, La Casa del Tibet,.
 notes:
. The figure of Giuseppe Coco (Biancavilla, Catania 1936 – 2012) entered in the popular imagination for the famous illustrations that since the Sixties have animated with irony and extraordinary black humour the pages of popular magazines. Such as Comix, il Corriere della Sera, Epoca, Horror, La Gazzetta dello Sport, L’Espresso, la Repubblica, La Domenica del Corriere, La Settimana enigmistica, Panorama, Relax, Zoom, Playmen, Punch, Hara Kiri and The Saturday Evening Post. (Chiara Gatti)
The FPMT (Foundation for the Preservation of the Mahayana Tradition) is an international non-profit organization founded in 1975 by Lama Thubten Yeshe. The Foundation is dedicated to the transmission of the Mahayana Buddhist tradition and its values in the world through teaching, meditation and community service. The FPMT Italy belongs to this international network consisting of Buddhist centres of teaching, meditation centres, retreat centres, monasteries for monks and nuns, publishing houses, hospices, care centres and other community service centres.
. The Tibetan civilization was of great value, undeveloped in terms of material progress but incredibly improved from the point of view of an interior and philosophical research. The Project The Heritage of Tibet derives from the awareness of an urgency help to preserve Tibetan culture trying to contribute with its modest energy to the knowledge of the essential elements of what was effectively called the “The Tibetans’ Message”.
 

Visualizzazioni: 109

Allegati:

Rispondi

Punto d'incontro e confronto per quelli che hanno praticato praticano e praticheranno Arte Postale. SOLA REGOLA L'USO DELLA LINGUA ITALIANA

TRADUTTORE DODODADA

Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

Use this tool for your translations of DodoDada

Utilizzate questo strumento per le vostre traduzioni di DodoDada

Forum

2018 / 70° YEARS DI RYOSUKE COHEN

Iniziata da ARCHIVIO OPHEN VIRTUAL ART in ARTE POSTALE / coscienza critica. Ultima risposta di Claudio Romeo 11 Set. 10 Risposte

70 YEARS RYOSUKE COHEN, 1948 - 2018”  DETTAGLI EVENTOOra: 15 Luglio 2018 presso 18:00 a 1 dicembre 2018 presso 12:00Luogo: SPAZIO OPHEN VIRTUAL ART GALLERY Via: S. Calenda, 105 Città: Salerno Sito web o mappa: …Continua

Tag: Contemporanea, Arte, Giovanni, Bonanno, Italia

SALERNO / MARCEL DUCHAMP 1887 – Area di Confine Porta Duchamp

Iniziata da ARCHIVIO OPHEN VIRTUAL ART in ARTE POSTALE / coscienza critica 25 Ago. 0 Risposte

SPAZIO OPHEN VIRTUAL ART GALLERYPAVILION  LAUTANIA …Continua

Tag: prima, Galleria, al, La, 2017

PAVILION LAUTANIA VIRTUAL VALLEY

Iniziata da ARCHIVIO OPHEN VIRTUAL ART in ARTE POSTALE / coscienza critica 11 Mag. 0 Risposte

SPAZIO OPHEN VIRTUAL ART GALLERY 1887 - Kurt Schwitters &  Marcel Duchamp “UNIVERSI  POSSIBILI / Verso La Globalità Intelligente”  a cura di  Giovanni Bonanno.Dal 6 maggio 2017 al 26 novembre 2017– Due proposte  internazionali presentate in…Continua

Tag: Spazio, Italia, Salerno, Ophen, Virtual

PAVILION LAUTANIA VIRTUAL VALLEY / KURT SCHWITTERS, 1887 - Kurt Merz/Ecology

Iniziata da ARCHIVIO OPHEN VIRTUAL ART in ARTE POSTALE / coscienza critica 5 Mag. 0 Risposte

Comunicato stampaKURT SCHWITTERS / 1887- Kurt Merz/EcologySPAZIO OPHEN VIRTUAL ART GALLERY PAVILION LAUTANIA VIRTUAL VALLEY / 1887 - Kurt Schwitters & Marcel Duchamp “UNIVERSI POSSIBILI / Verso La Globalità Intelligente” a cura di Giovanni…Continua

Tag: cura, di, Giovanni, Bonanno., a

Scadenza Progetto Internazionale dedicato a Marcel Duchamp

Iniziata da ARCHIVIO OPHEN VIRTUAL ART in ARTE POSTALE / coscienza critica 26 Mar. 0 Risposte

1887 - AREA DI CONFINE PORTA DUCHAMP -Scadenza del progetto: 30 giugno 2017Dettagli evento: Dal 14 Agosto 2017 al 26 Novembre 2017 Luogo: Spazio Ophen Virtual Art Gallery Via: S. Calenda, 105/D 84126 Città: Salerno (Italy) Sito web o mappa:…Continua

Tag: Duchamp, Marcel, Postale, Arte, Progetto

© 2017   Creato da Claudio Romeo.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio