Cagliari periferia estrema dell'arte contemporanea?

Cagliari periferia incapace di autodeterminarsi culturalmente?

Mimmo Paladino, chi è costui? 

Mimmo Paladino, me ne parlava mio padre da piccolo, erano iscritti negli stessi anni in Accademia, un artista minimalista emigrato a Milano per insegnare in una scuola d'arte insieme ad Enzo Esposito un suo conterraneo anche esso pittore, erano gli anni settanta, Paladino l'Accademia non la terminò e nel milanese tentava di darsi un tono come artista concettuale, questo fino al 1979 anno in cui il critico Bonito Oliva inseguendo certe suggestioni underground che volevano la pittura lingua morta sulla scia di ciò che i mercati globali decretavano vincente decise di creare a tavolino la Transavanguardia ed esportarla attraverso la prima rivista d'arte contemporanea in Europa Flash Art, il bluff riesce e nel giro di qualche anno le quotazioni dei cinque artisti che in Italia coraggiosamente sono tornati a dipingere invadono il globo (in realtà non sapevano dipingere e forse neanche amavano la pittura ma raggiunsero un rapido consenso perché mai in Italia l'arte della pittura è stata lingua morta).
Per qualche anno Paladino si trasferisce addirittura a Nuova York per poi tornare a godersi la sua amata maturità artistica a Paduli nel beneventano, un raro caso di artista globale imposto dal mercato in ogni dove, anche se lo si sa il mercato globale ha i suoi trend e nel giro di pochi anni volta pagina e ricapitalizza altrove in crescita esponenziale, ragion per cui la bolla e la balla economica intorno alla transavanguardia si comincia a sgonfiare ed un Paladino di mercato primario (quello che per intenderci costituisce un filo diretto con l'artista) vale oggi quanto un dignitoso bilocale cagliaritano in pieno centro ristrutturato e consegnato come un confettino, in tempi di crisi comunque una offesa al comune senso del pudore, tra qualche secolo, quando cominceranno a fioccare in ogni dove i pittori a lui contemporanei, la sua quotazione ed il suo valore storico sarà destinato comunque ad abbassarsi ed il suo lavoro sarà visto per ciò che è, il frutto dell'anticamera del nuovo ordine globale dell'arte contemporanea che priva il territorio dei suoi segni di riconoscimento ed impone artisti creati dal marketing finanziario e dagli investimenti in borsa a tavolino.

Paladino, Bonito Oliva e la sinistra "democratica" di governo che cosa hanno a che vedere con la giunta Zedda?

Rientrato il fenomeno trasnsavanguardia ed anche la credibilità curatoriale internazionale di Achille Bonito Oliva il buon Bonito si è gettato in politica e legato all'area democristiana di sinistra ha cominciato a piazzare in tutte le giunte comunali Ds, Ulivo e Pd i pezzi del suo amato artista rivoluzionario che alla fine degli anni settanta per combattere il minimalismo italico imperante ha avuto il coraggio di imbracciare pennelli e scalpelli e cambiare il corso della storia, fino ad arrivare…., immaginate dove? All'entrata della galleria comunale dei giardini pubblici con una sua scultura, un pezzo multiplo che pagare più di diecimila euro mi sembra poco ragionevole dal momento che Paladino si affida ad esperti maestri nella realizzazione dei suoi lavori plastico scultorei che non esegue mai direttamente, prezzo dell'operazione da collezione? 50000 euro!
Adesso quello che mi domando è: ma in tempi di crisi come questi perché non si è investiti sulla ricerca e la cultura artistica nel sud Sardegna? Perché non si è creato un serio confronto dialettico tra l'arte prodotta da questo territorio che ha delle sue specificità ed altre realtà artistiche? Perché non bandire una borsa di studio internazionale per giovani artisti internazionali e farli confrontare con i sardi e realizzare opere sul posto dopo averlo vissuto e compreso? Misteri della giunta Zedda e di una politica culturale e nazionale provinciale di plastica subita passivamente!

Il vostro critico Tavor

Visualizzazioni: 87

Commento

Devi essere membro di Dodo/Dada ARTE POSTALE per aggiungere commenti!

Partecipa a Dodo/Dada ARTE POSTALE

Commento da Claudio Romeo su 30 Marzo 2012 a 16:58

... Mi piace ricordare che il Paladino a Milano a causa del danneggiamento della sua opera "montagna di sale" da perte dei tifosi milanisti si è intascato 150.000 euro che servivano per il restauro... Evidentemente ha preferito al sale il salario... Se questa non è arte è merce!

Commento da ARCHIVIO OPHEN VIRTUAL ART su 30 Marzo 2012 a 16:23

 

Caro Di Caterino, la descrizione dei trascorsi di Mimmo Paladino sono esatti e puntuali. Tuttavia, rimane nel contesto del gruppo Transavanguardista l'unico  pittore che riesce in qualche modo a sopravvivere gestendosi a dovere e dandosi una sorta i verginità creativa. Gli altri sono decisamente  decadenti,  vedi il nostro Chia, che risulta un dilettante allo sbaraglio.

Cosa resterà di tutti loro?

Resteranno i milioni accumulati in qualche banca, mentre la pittura e in generale  l'arte, è  (da sempre) fuori di casa ad attendere momenti  migliori.

 

Commento da Claudio Romeo su 15 Marzo 2012 a 9:02

...Sardegna,...Lombardia,...Italia tutta, storie purtroppo che si ripetono in ogni dove. Uno dei luoghi dove è nata la Cultura e l'Arte oramai sempre più vilipesa e svilita.

Punto d'incontro e confronto per quelli che hanno praticato praticano e praticheranno Arte Postale. SOLA REGOLA L'USO DELLA LINGUA ITALIANA

TRADUTTORE DODODADA

Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

Use this tool for your translations of DodoDada

Utilizzate questo strumento per le vostre traduzioni di DodoDada

Forum

SHOZO  SHIMAMOTO  HA TROVATO CASA A NAPOLI (Italy)..

Iniziata da ARCHIVIO OPHEN VIRTUAL ART in ARTE POSTALE / coscienza critica ieri. 0 Risposte

L’ASSOCIAZIONE SHIMAMOTO APRE UNO SPAZIO PERMANENTE A NAPOLIpubblicato giovedì 14 dicembre 2017Shozo Shimamoto  scomparso nel 2013, da oggi, il suo lavoro di ricerca può essere fruito presso  un nuovo spazio espositivo permanente, che arricchisce il…Continua

Tag: Art, Gutai, Giappone, Virtual, Ophen

Salerno, Dadodu&Co, materiali d’archivio 1977-2017

Iniziata da ARCHIVIO OPHEN VIRTUAL ART in ARTE POSTALE / coscienza critica 10 Dic. 0 Risposte

IBRIDIFOGLIDADODU&CO.materiali d’archivio 1977-2017minimalia, ephemera, collezioni e libri d’artistaa cura di Antonio Baglivo e Vito PintoARCHIVIO DI STATO di SALERNOpiazza Abate Confortidal 15 dicembre 2017 al 30 gennaio 2018…Continua

Tag: Mibact, Fogli, Ibridi, Ophen, Virtual

BETTY DANON / DICHIARAZIONE DI POETICA

Iniziata da ARCHIVIO OPHEN VIRTUAL ART in ARTE POSTALE / coscienza critica 21 Nov. 0 Risposte

Betty  Danon "Dopo  il periodo iniziale  l’attenzione…Continua

Tag: Arte, concettuale, Art, Mail, Danon

RUGGERO MAGGI / NON SOLO LIBRI - Gallarate

Iniziata da ARCHIVIO OPHEN VIRTUAL ART in ARTE POSTALE / coscienza critica 19 Nov. 0 Risposte

 16 - 17 NOVEMBRE 2017 presso la GALLERIA DI ARTI VISIVE DELL’UNIVERSITA’ DEL MELORUGGERO MAGGI / NON SOLO LIBRI - Gallarate…Continua

Tag: LIBRI, SOLO, NON, VISIVE, RUGGERO

RUGGERO MAGGI / Non Solo Libri, Galleria di Arti Visive - Gallarate

Iniziata da ARCHIVIO OPHEN VIRTUAL ART in ARTE POSTALE / coscienza critica 17 Ott. 0 Risposte

DAL 19 OTTOBRE AL 17 NOVEMBRE 2017PRESSO LA GALLERIA DI ARTI VISIVE DEL IL MELOLA MOSTRA DI RUGGERO MAGGI NON SOLO LIBRI…Continua

Tag: maggi, ruggero, salerno, università, melo

2018 / 70° YEARS DI RYOSUKE COHEN

Iniziata da ARCHIVIO OPHEN VIRTUAL ART in ARTE POSTALE / coscienza critica. Ultima risposta di Claudio Romeo 11 Set. 10 Risposte

70 YEARS RYOSUKE COHEN, 1948 - 2018”  DETTAGLI EVENTOOra: 15 Luglio 2018 presso 18:00 a 1 dicembre 2018 presso 12:00Luogo: SPAZIO OPHEN VIRTUAL ART GALLERY Via: S. Calenda, 105 Città: Salerno Sito web o mappa: …Continua

Tag: Contemporanea, Arte, Giovanni, Bonanno, Italia

© 2017   Creato da Claudio Romeo.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio